Tutorial

Gli scooter vintage sono la nostra passione, ma se desiderate usarli veramente, spesso dobbiamo tenere in considerazione che, nonostante siano esteticamente affascinanti, scontano tutta la loro età se messi a paragone con le funzionalità offerte dagli scooter moderni.

I meno puristi non hanno quindi remore a creare modifiche reversibili alla loro Vespa o Lambretta.
Per quanto riguarda le elaborazioni del motore, si aprirebbe un mondo che tutti conosciamo e che non ci sentiamo di toccare, lasciandolo a persone più esperte.
A nostro avviso le modifiche più utili sono invece quelle legate all’impianto elettrico.

Le vecchie vespe pre-PX avevano impianto elettrico a puntine o elettronico ma erano soprattutto accomunate dall’essere a 6 volt e con circuiti normalmente chiusi (non la Lambretta, che anche se a 6 volt, aveva circuiti normalmente aperti, un bel vantaggio!).
La prima cosa da fare per modernizzare l’impianto elettrico è quindi quello di sostituire il piatto statori con uno a 12 volt e convertire devioluci e pulsante del freno in normalmente aperti.

Ma non appena si tocca il piatto degli statori si pone il problema della regolazione e verifica dell’anticipo di accensione, che è un aspetto molto importante nel funzionamento del motore. Per questo motivo il primo tutorial sarà dedicato proprio a questa evenienza.

Lo step successivo, se vogliamo aggiungere accessori come una presa USB per il telefono e il navigatore, luci a led o un bel display tachimetro moderno, è quello di aggiungere una batteria all’impianto.

Ecco quindi l’elenco dei primi tutorial che affronteremo: